fresco

(redirected from Affresco)
Also found in: Dictionary, Encyclopedia.
Graphic Thesaurus  🔍
Display ON
Animation ON
Legend
Synonym
Antonym
Related
  • all
  • noun
  • verb

Words related to fresco

a mural done with watercolors on wet plaster

Related Words

a durable method of painting on a wall by using watercolors on wet plaster

Related Words

paint onto wet plaster on a wall

References in periodicals archive ?
1) Tuttavia, nell'immortalare questo periodo di profonda trasformazione individuale e collettiva, Levi rifugge una rappresentazione mimetica del dato storico, realizzando un potente affresco espressionista.
chiesa del Carmine, dove nel secondo affresco, eseguito appunto nel 1892, egli aveva voluto segnare il mio nome" (52).
Mazzini non poteva conoscere questo clima di intenso fervore ideologico nel quale si maturavano le premesse per l'esplosione 'europea' del Guillaume Teli: e quando puntera l'accento su questo grande affresco di virginale purezza, di sorgiva, aurorale 'innocenza' politica, il Genovese lo fara senza sapere su quali basi poggiava il raffinato edificio musicale rossiniano" (Ragni in Mazzini, 1992: 75).
4) Cuore e pertanto non solo un microcosmo d'individui, caratteri, funzioni storiche e civili, ma anche e soprattutto un complesso campionario di professioni e potenzialita, un affresco corale di una citta in espansione colta nel particolare frangente storico che conduce la societa civile verso l'industrializzazione e la serializzazione del lavoro meccanico.
C'e un affresco storico dal forte sapore d'epoca che riguarda il mondo contemporaneo nell'arco di tempo dal secondo dopoguerra a oggi e la poetica, raccontata come un romanzo, offre le tracce per una visibile autobiografia.
Delfini is historically important, according to Celati, because in his writings and especially his Diari he has bequeathed us "un trattato morale d'epoca" and "un grande affresco sui costumi del tempo" (Delfini, Autore ignoto viii).
Il romanzo dunque venne recepito in queste e in altre recensioni americane come un condensato di cultura italiana, un affresco dello spirito italico.
9788889993316, 18,00 [euro] Dopo il successo mondadoriano di Prohibita imago (2010) nella collana Oscar Bestsellers, Valentina Olivastri conferma, con la sua seconda prova, La donna del labirinto, le sue doti di scrittrice versatile e immaginifica, capace di una narrazione a mosaico, le cui tessere, pur diverse una dall'altra, concorrono a formare un affresco fatto di genialita e di raffinatezza.
Non tutto convince in questo affresco, che nel suo gigantismo e nel potente respiro epico, tocca corde profonde ed intime del regista (forse perche troppo "invaso" dalla musica di Morricone, o perche troppo preoccupato di restituire in senso mimetico ogni suono, rumore, colore, odore, profumo, gesto), ma di sicuro colpisce la rivendicazione del senso d'appartenenza della storia siciliana alla storia d'Italia tra fascismo e anni di piombo e l'omaggio al sogno utopico di milioni di italiani che hanno creduto nella possibilita di cambiare le cose nella societa ed hanno inseguito per tutta la vita le loro piccole o grandi utopie.
L'intenzione dell'autore, qui appena ventitreenne, e anche, non si dubita, di turbare il lettore attraverso un affresco materialistico, di erotismo spinto, o proprio pornografico di un certo tipo di mondo notturno omosessuale, nel quale il sesso e vissuto come una dipendenza o uno sfogo fisiologico.
Le riflessioni presentate da De Amicis sono da collocarsi nel grande affresco dell'esperienza migratoria studiata a bordo del piroscafo sul quale e imbarcato.
Veniamo ora al Divo, che come il film di Garrone e un affresco potente dell'Italia di oggi e di ieri, un apologo del Potere, dedicato com'e alla figura di Giulio Andreotti.
Si conclude cosi, in termini propriamente visuali, il mobile e vivido affresco folenghiano che si e venuto creando in queste pagine: quello di un intellettuale immerso nelle piu varie questioni poetiche e culturali del suo tempo, cosi come radicato sul territorio di una "penisola messa a ferro e fuoco nelle guerre horende de Italia"; partecipe della dissoluzione religiosa seguita alla Riforma, come della decadenza politica e civile delle corti italiane; scrittore coltissimo, aperto a posizioni assai avanguardistiche in campo sentimentale e sociale, capace di dar voce all'irriducibile spettacolo del mondo con arte prodigiosa e meravigliosa fantasia.
In questo ampio affresco storico, i protagonisti sono i membri dell'aristocratica famiglia degli Uzeda di Francalanza, che navigano le pericolose acque della caduta dell'ancien regime per poi riemergere, ancora una volta, come classe egemone.