lamenter

(redirected from lamenta)
Also found in: Dictionary, Legal.
Related to lamenta: laments
Graphic Thesaurus  🔍
Display ON
Animation ON
Legend
Synonym
Antonym
Related
  • noun

Synonyms for lamenter

a person who is feeling grief (as grieving over someone who has died)

References in periodicals archive ?
Cherchi lamenta anche il fatto che siano soprattutto i giovani a scrivere recensioni, alludendo cosi a una loro certa mancanza di preparazione.
E critica pertanto la scena della tempesta della Farsalia di Lucano in cui Cesare si lamenta di aver voluto sfidare il mare, e l'analoga scena nell'Italia liberata di Trissino, imitata dalla Farsalia, in cui Giustino fa lo stesso lamento, lamenti indecorosi, secondo Trissino, nelle bocche dei due generali.
Anche se i sacerdoti gli appaiono come "uomini di setta politica, esclusivi e superbi" (Lettere 241), Santarosa rimane cattolico: in Svizzera e in Inghilterra si lamenta di non poter partecipare alle cerimonie di rito romano (Lettere 106); nella Francia, che cattolica e, rimpiange i canti liturgici, gli accenti, le atmosfere e i sentimenti religiosi condivisi in Piemonte con gli amici piu cari.
Infine si lamenta di quelli che a loro volta si lamentano di trovare nelle sue opere degli errori; e per fa vedere di non essere il solo a farne, da una lunga lista alfabetica di autori, da Accio a Volterrano (si noti che la strategia dell'ordine alfabetico sopprime ogni altro criterio gerarchico), ricordando di ciascuno di essi uno o piu errori.
In Landoni's view, Sicilian poetry revitalizes Provencal models, while lamenting their limitations: "la poesia della cerchia federiciana si caratterizza per questo atteggiamento bifronte rispetto alla tradizione letteraria ereditata: da una parte propugna la rivitalizzazione di stereotipi coniati altrove, ad inaugurazione di una produzione nazionale che si vuole iscritta in quelle coordinate; dall'altra lamenta l'insofferenza per gli aspetti piu rigidi e obsoleti della normativa etica accolta, e divulga la consapevolezza dei limiti intrinseci al linguaggio erotico" (171-72).
74) Il libro era stato apprestato in fretta, come asserisce il filosofo, che lamenta "il brevissimo tempo, nel quale noi tutti soli, e gravemente infermi siamo stati costretti di meditar e stampare quest'opera".
Nei Cinque Canti, al contrario, lo Zatti lamenta proprio l'assenza dell'autore che si era manifestato con tanta forza nel Furioso.
Il marito-zio non pue che vedere nel suo comportamento i segni del tempo, di un nuovo secolo che incalza e che permette ad una donna di fare molto piu di prima, e si lamenta che Marianna "agisce, si agita, porta pesi .
Nella pagine che raccontano la morte dell'etnos popolare, Pasolini lamenta la scomparsa dei mondi in cui l'erotismo E possibile, in cui esiste ancora una di quelle esperienze che coinvolgono l'essere umano interamente e danno autenticita alla vita.
In gara con altri amici della cerchia dei Vignaiuoli (anche il Molza aveva composto due sonetti di cordoglio), il Casa lamenta che a lui "brevi e rare / prescrisse ore serene il ciel avaro" dopo che "bella fera e gentil gli punse il seno / e poi fuggio [.
Fo lamenta la maniera in cui i classici vengono messi in scena, raggelandone la carica espressiva, quindi, interpretando la celebre lirica di Cielo d'Alcamo, "Rosa fresca aulentissima ch'apari", cerca di dimostrare come la forza del classico debba rintracciarsi nel legame con la contingenza e la realta.
Orlando esorta il cugino, che lamenta la sua sorte, a dominare la sua improvvisa passione e a fronteggiare Antea sul campo di battaglia nel rispetto degli accordi pattuiti.
Le loro arringhe, tonanti di disprezzo verso la razza <<fatta di vermi e parassiti>>, corne lamenta Lino Aprile, (4) continuano ad incoraggiare disgustose voci come "Forza Etna" mentre il vulcano brucia le case nei suoi pendii e "Forza Terremoto" mentre tanti Aquilani periscono sotto le macerie delle loro case.
Ao afirmar seu desejo de, na velhice, escrever as proprias memorias, ela lamenta o fato de que, ao rememorar o passado, "o pensamento delirante, tao lindamente desgrenhado, acaba penteadissimo" (156).